venerdì 2 maggio 2008

RITORNO AL NERO: QUEL GUAIO VIVENTE DI AMY WINEHOUSE


Amy Jade Winehouse nasce a Enfield, Middlesex, Inghilterra, il 14 settembre 1983, in una famiglia ebraica, padre tassista e madre infermiera. Cresce a Southgate (Londra), dove frequenta la Ashmole School. All'età di dieci anni fonda un gruppo rap amatoriale chiamato Sweet 'n' Sour, as Sour. Lo descrive come la versione bianca ed ebraica delle Salt 'n' Pepa. A dodici anni frequenta la Sylvia Young Theatre School, ma a tredici viene espulsa perché non si applica e a causa di un piercing al naso. In seguito frequenta la BRIT School a Selhurst, Croydon.
Cresce ascoltando diversi tipi di musica (dalle Salt 'n' Pepa a Sarah Vaughan) e riceve la sua prima chitarra a tredici anni. Inizia a cantare come professionista all'età di sedici anni, dopo che la sua amica e cantante soul Tyler James manda una sua demo ad un talent scout. Firma per la sua etichetta discografica attuale, la Island/Universal.

Il suo album di debutto, "Frank", viene pubblicato nell'ottobre 2003. Prodotto principalmente da Salaam Remi, con molte influenze jazz, salvo due covers, ogni canzone è scritta (anche se non interamente) dalla Winehouse. L'album riceve critiche positive. La sua voce viene anche paragonata a quella di Sarah Vaughan e a quella di Macy Gray.
L'album arriva alto nelle classifiche inglesi quando nel 2004 viene nominato ai BRIT Awards nelle categorie British Female Solo Artist e British Urban Act. Riceve due dischi di platino. In seguito, ancora nel 2004, vince l'Ivor Novello Award come Best Contemporary Song con il suo primo singolo "Stronger Than Me"..
Dopo la pubblicazione, la cantante commenta di sentire soltanto per l'80% l'album a causa dell'inclusione da parte della casa discografica di alcune canzoni che non le sono piaciute. Dopo la pubblicazione del suo secondo album afferma: "Non posso neanche più ascoltarlo, Frank. Infatti, non l'ho mai potuto ascoltare. Mi piace suonarlo dal vivo, ma ascoltarlo è un'altra cosa".

Il 27 ottobre 2006 viene pubblicato a livello mondiale l'album "Back to Black", (evidente riferimento al suo stile e a un genere che vuole rifarsi alle radici nere della musica), che in Inghilterra, arriva alla vetta della Uk Album Chart in pochissime settimane. Negli USA l'album raggiunge il numero 7, unico disco di una cantante inglese ad aver raggiunto una posizione così alta nella Billboard 200. Il singolo apripista che anticipa l'uscita dell'album è "Rehab", (ottobre 2006), che diventa un tormentone mondiale. La canzone parla del (suo) rifiuto di disintossicarsi dall'alcol e dalla droga. Il secondo singolo ad essere estratto dall'album è "You Know I'm No Good", uscito (gennaio 2007), che non raggiunge la prima posizione della classifica ma riceve giudizio favorevole dalla critica. Il terzo singolo è la "title track" dell'album che, "Back to Black" (aprile 2007) e riscuote successo - anche grazie al videoclip dove la cantante vestita a lutto porta a seppellire il suo cuore, in un funerale a un cimitero - tanto da portare la Winehouse alla vittoria della categoria "Artist Choice" agli MTV Europe Music Awards 2007, tenuti a Monaco di Baviera il 1 novembre 2007. Il quarto singolo ad essere stato pubblicato, (agosto 2007), è "Tears Dry On Their Own" che viene trasmesso con regolarità nelle radio senza però diventare un tormentone come Rehab o Back to Black. Il quinto singolo pubblicato il (dicembre 2007) è "Love Is a Losing Game". Il 10 febbraio 2008 vince cinque Grammy Award: tre per la canzone Rehab nelle categorie "Record of the Year", "Song of the Year" e "Best Female Pop Vocal Performance", uno nella categoria "Best New Artist" e uno per l'album Back to Black nella categoria "Best Pop Vocal Album".

A inizio 2008 è uscito l'album "Back To Black: B-Sides". Inoltre, sia "Frank" che "Back To Black" esistono in versione "clean" ed "explicit" cioè in edizione "pulita" e "sporca", quanto a testi.
Oltre ai singoli estratti da "Back To Black", la Winehouse, sull'onda del successo, duetta con Mark Ronson in "Valerie" e con la collega Mutya Buena in "B Boy Baby".
Da quando è nota la Winehouse è - non senza una certa speculazione pubblicitaria - quasi all'ordine del giorno alla ribalta per episodi e comportamenti che la dipingono come "no good", una poco di buono.
Il campionario delle situazioni è vario. La cantante perde quattro taglie tra la pubblicazione del primo e del secondo album. Dichiara alla stampa britannica che è stato a causa dei commenti che facevano sul suo peso. Poi smentisce di aver ascoltato commenti altrui. Nello stesso periodo l'Independent pubblica un articolo sulla depressione, in cui figura la Winehouse come clinicamente affetta da psicosi maniaco-depressiva che rifiuta le cure. Nell'ottobre 2006, la cantante ammette di aver sofferto di disordini alimentari (anoressia, bulimia). Amette di non stare del tutto ok ma nessuna donna lo è.
Nei mesi seguenti è presente sui giornali britannici per problemi legati all'alcool, tra cui un'esibizione da ubriaca al The Charlotte Church Show (apparsa su YouTube). L'interruzione del discorso del leader degli U2, Bono durante un discorso di ringraziamento ai Q Awards.
A chi le chiede opinioni sulla violenza e l'alcool, risponde che si diverte molto certe notti, ma poi esagera e rovina la serata col suo ragazzo, da vera ubriacona. Che la Winehouse sia un vero guaio lo dice anche il titolo del suo dvd che la ritrae dal vivo a Londra: "I TOLD YOU I WAS TROUBLE - LIVE IN LONDON". Ma a lista dei guai non è finita...
Il 16 novembre 2006 appare al "Never Mind The Buzzcocks" visibilmente alterata e fa commenti sul presentatore. Il 7 gennaio 2007, finita un'esibizione al G-A-Y (famoso locale londinese) vomita, pare a causa di un'intossicazione, ma poi riprende a cantare.
Il 14 febbraio 2007, agli Elle Style Awards, la cantante viene vista con dei tagli e cicatrici su di un braccio; il portavoce della Winehouse attribuisce la colpa ad una caduta per strada. Le speculazioni sui problemi con l'alcool continuano quando vengono pubblicate delle foto che la ritraggono al reparto alcolici di un supermercato locale e in un pub a Camden Town.
Nell'aprile 2007, il quotidiano The Sun pubblica la notizia del fidanzamento della cantante con Blake Fielder-Civil. I due si sposano il 18 maggio 2007 a Miami, Florida.
Il 18 ottobre del 2007 viene arrestata in Norvegia per possesso di marijuana, poi rilasciata il 19 ottobre dietro cauzione di 500 euro.
L'1 novembre 2007, in occasione degli "MTV Europe Music Awards", per due volte sale sul palco in apparente stato confusionale: al ritiro del premio Artist Choice Award, consegnatole da Michael Stipe, non pronuncia il tradizionale discorso di ringraziamento ai fans, mostrandosi invece immobile e spaesata; poco dopo, chiamata ad esibirsi come performer, canta con qualche difficoltà e sembra verosimilmente sotto effetto di alcool o altre sostanze.
Il 21 gennaio comincia a circolare un video dove la cantante fuma crack e ammette di avere preso "6 Valium per calmarsi". Lo scoop è del giornale The Sun. Il video comincia a girare su You Tube e su altri siti web di condivisione di video.
Al di là di tutto ciò, dei suoi tatuaggi di donne nude perchè le piacciono le pin-ups, in quanto si sente più uomo che donna (fonte: Sun), al di là della speculazione giornalistica o discografica e a dispetto del suo essere una "ragazzaccia", la Winehouse attrae e la sua voce è stata paragonata a quelle di miti del jazz come Billie Holiday, Sarah Vaughan e Dinah Washington. Con Amy, insomma, è un ritorno al "Nero"... in tutti i sensi!
Albums
  • 2003 - Frank
  • 2006 - Back To Black

Singoli

  • 2003 - Stronger Than Me
  • 2004 - Take the Box
  • 2004 - In My Bed / You Sent Me Flying
  • 2004 - Pumps / Help Yourself
  • 2006 - Rehab
  • 2007 - You Know I'm No Good
  • 2007 - Back to Black
  • 2007 - Tears Dry on Their Own
  • 2007 - Valerie (con Mark Ronson)
  • 2007 - Love Is a Losing Game
  • 2007 - B Boy Baby (con Mutya Buena)

AMY WINEHOUSE - SITO UFFICIALE
http://www.amywinehouse.com/

Nessun commento:

VIDEO - Eva CASSIDY - Israel "IZ" KAMAKAWIWO'OLE - Over The Rainbow/What A Wonderful World (Medley)

Loading...